IL NOSTRO SITO è IN RIFACIMENTO. CI SCUSIAMO SE ALCUNE PARTI DEL SITO ATTUALE FOSSERE NON ATTIVE. GRAZIE PER LA COMPRENSIONE.
. .
Benvenuto

Hotel baalbek

Autore: Fred Wander
ed. Einaudi

L'Hotel Baalbek è un luogo del ricordo, in cui si affacciano ora sfumati, ora più concreti, tutti i personaggi che in quello spazio si muovevano e speravano un futuro oltreoceano.
Il nuovo romanzo di Fred Wander è ambientato nella Marsiglia dei primi anni Quaranta, nella Francia occupata dai tedeschi, in quell'epoca oscura e terribile in cui ogni giorno gli ebrei vivevano nel terrore di essere prelevati dalle loro case, dalle strade, dai luoghi di lavoro, per esser deportati.

L'Hotel Baalbek è per gli ebrei che vissero sulla loro pelle la persecuzione nazista un luogo in cui rifugiarsi, un ostello di infima categoria, ma sicuro, in cui mettevano assieme progetti e vie di fuga individuali o collettive per affrontare il viaggio verso la libertà, lontano dall'Europa, in quell'America dove Hitler e la Gestapo erano niente più che tenui fantasmi, almeno in quegli anni.

Le figure che si muovevano all'interno dell'Hotel Baalbek sono narrate, all'interno del romanzo, da uno dei sopravvissuti al genocidio, attraverso i ricordi di quel giovane pieno di speranza, e di amore, che in quell'hotel si innamorò contemporaneamente di due donne, conosciamo professionisti e gente comune, ripercorriamo le tappe del delirio di morte e onnipotenza che pervase la storia del Terzo Reich, le voci che si susseguivano sui sequestri e le uccisioni di ebrei quando ancora il mondo non conosceva il quadro, desolante e terribile, della soluzione finale.

Molte delle discussioni all'interno dell'Hotel Baalbek riguardano le modalità di fuga, le voci sulle disgrazie avvenute e le previsioni sul futuro della Francia, e dell'Europa. Decisioni coraggiose dovevano esser prese dai frequentatori dell'hotel, ebrei che arrivavano a Marsiglia da ogni parte dell'Europa invasa dal potente e spietato esercito tedesco.
L'autore del libro, ebreo austriaco, morto nel 2006, fu egli stesso deportato in diversi campi di sterminio,  i più terribili, Auschwitz e Buchenwald, sfuggendo al massacro ma non al ricordo di quei terribili anni, che ci regala, affinché non vengano mai dimenticati.


Aggiunte:  Venerd, 06 Luglio 2012

  



.

Languages

Englishitaliano

CHI SIAMO

Video - Chi siamo

EVENTI

PERCORSI DI FEDE


UNO SI CHIEDE: PERCHÉ?

Percorsi di fede a fumetti

Fumetto

Fumetto

NEWSLETTER

Per essere aggiornato sulle nostre attività e conoscere sempre meglio Gesù Cristo.

ISCRIVITI QUI

SITI AMICI

.




Questo sito è stato creato con MaxDev