. .
Benvenuto

Quanto vale un uomo

EFROSINIJA KERSNOVSKAJA
Bompiani, gennaio 2009


Efrosinija Kersnovskaja poteva essere una donna come tantissime altre, una tra i milioni di persone falciate dalla repressione di Stalin. Ma Frosja, come la chiamavano le compagne di detenzione, era una persona speciale, così sopravvisse a 11 anni di Gulag dopo l’arresto nel 1941. Tornò libera nel 1952 e visse ancora fino al 1994. La libertà le consentì di scrivere 12 quaderni di memorie della detenzione e, soprattutto, di illustrarli di nuovo con centinaia di disegni di rara forza e delicatezza.
Il Gulag era un luogo fisico da cui magari si esce vivi, ma un luogo dello spirito da cui non si esce più. Per la Kersnovskaja è il contrario: l’individuo vince comunque sul sistema.
Fuggita dal campo, latitante per mesi, ripresa e scampata di poco alla fucilazione, racconta del Gulag anche gli aspetti (drammaticamente) grotteschi o (crudelmente) ilari.
A Efrosinija Kersnovskaja, alla sua opera monumentale e allegra, al progetto che la riguarda, è dedicato un bel sito (www.gulag.su) con foto dell’album di famiglia e con molte lettere che, ancora oggi, arrivano da ogni parte del mondo. A lei, che sorride con il piglio di una donna rimasta sempre libera, sarebbe piaciuto.
(tratto da Famiglia Cristiana – n. 5/2009)


Aggiunte:  Venerd, 08 Maggio 2009

  



.

Languages

Englishitaliano

CHI SIAMO

Video - Chi siamo

EVENTI

PERCORSI DI FEDE


UNO SI CHIEDE: PERCHÉ?

Percorsi di fede a fumetti

Fumetto

Fumetto

NEWSLETTER

Per essere aggiornato sulle nostre attività e conoscere sempre meglio Gesù Cristo.

ISCRIVITI QUI

SITI AMICI

.




Questo sito è stato creato con MaxDev