IL NOSTRO SITO è IN RIFACIMENTO. CI SCUSIAMO SE ALCUNE PARTI DEL SITO ATTUALE FOSSERE NON ATTIVE. GRAZIE PER LA COMPRENSIONE.
. .
Benvenuto

Le vite degli altri

Un abile e inflessibile agente della Stasi si ritrova a spiare, ascoltare e registrare la vita di George Dreyman, uno scrittore apparentemente rispettato e ammirato dagli alti capi del partito, ma che il ministro della cultura Bruno Hempf cerca di incastrare perché si è invaghito della sua compagna, una bellissima e amata attrice teatrale.

Vivere le vite degli altri e non poter vivere la propria, rifugiarsi dietro ad un paio di cuffie e negare di essere qualcuno, per fare carriera semplicemente «non facendo», apparentemente il modo più facile. Come il protagonista di questo bel dramma tedesco, uno dei tanti collaboratori della Stasi, che si riappropria di una vita solo dopo aver lasciato in pace quella altrui, scegliendo una mediocre ma onorevole umiltà, al posto di una sporca ascesa sociale. Non ci poteva essere titolo più azzeccato per líopera prima di Florian Henckel von Donnersmarck, «Le vite degli altri», un film sul guardare senza essere visti, che, con occhio compassionevole verso chi per primo dovrebbe essere il carnefice di turno, indaga i retroscena paradossali dell'agenzia segreta che si propone di difendere il socialismo attraverso il carrierismo e il clientelismo, simbolo di uno stato minato dalle fondamenta del suo stesso cuore ideologico, dove líideale come motore portante ha ceduto il passo alle esigenze dei potenti, dove i nemici se non ci sono si creano e si inventano, in modo da ottenere la giusta dose di sangue e di talenti gettati al vento che faccia aggiungere le decorazioni sulla spalla di qualche meritorio ufficiale.

«Le vite degli altri» è un dramma robusto e corposo scritto magistralmente, diretto con compostezza e mestiere, pur senza grandi pretese artistiche, e con personaggi ben caratterizzati, stretti da una scelta obbligata tra carriera e onore, tra il silenzio compiacente e la lotta ideologica, soffocati dallíinsostenibile reticolo di microspie e cimici di un grande fratello onnipresente. Il film è ambientato quasi tutto in interni grigi e intristiti, e possiede un grande equilibrio di scrittura: gli umori e le scelte dei personaggi sono comprensibili nellíottica di chi è in una comoda posizione e ha bisogno di un severo scossone per riaprire gli occhi, o di chi si trova costretto a sacrificare qualcosa per qualcosíaltro. E quando la sobrietà diventa eccessivamente monocorde il film di colpo impenna, e si trasforma in un thriller dove il paradosso tramuta una macchina da scrivere nel principale corpo del reato, un crimine costituito dal giustificato dubbio e dall'impegno, che ferisce la prevaricazione con lettere in grado di far sanguinare una società sullíorlo del collasso, per concludersi in modo nostalgico e al contempo speranzoso.
Francesco Pognante


Aggiunte:  Sabato, 20 Giugno 2009

  



.

Languages

Englishitaliano

CHI SIAMO

Video - Chi siamo

EVENTI

PERCORSI DI FEDE


UNO SI CHIEDE: PERCHÉ?

Percorsi di fede a fumetti

Fumetto

Fumetto

NEWSLETTER

Per essere aggiornato sulle nostre attività e conoscere sempre meglio Gesù Cristo.

ISCRIVITI QUI

SITI AMICI

.




Questo sito è stato creato con MaxDev